In focaccia/ senza glutine/ vegetariano

Focaccia messinese senza glutine

La focaccia messinese senza glutine è una focaccia fragrante condita con verdure e pomodori. Questa è la mia versione un po’… semplificata!

Focaccia messinese senza glutine con scarola e pomodorini

La focaccia messinese è un prodotto tipico della cucina siciliana, e della città di Messina in particolare (ma va?). Questa mia ci si ispira, anche se non ha la pretesa di riprodurla esattamente. Prima di tutto, perché non contiene il classico strutto, e poi perché è ovviamente senza glutine e… anche un po’ integrale.   

Ancora una volta ringrazio la mia cara amica e collega Maria Pina  perché la sua ricetta ispira a creare.  

Per realizzarla occorrono:   

Focaccia messinese senza glutine con scarola e pomodorini
  • 250g di farina mix B Schar
  • 50g di farina di grano saraceno
  • 285g di acqua
  • 6g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 30g di olio di oliva
  • Un cucchiaino scarso di sale
  • Un cespo di scarola riccia
  • Una mozzarella a pasta dura 
  • Una manciata di pomodorini
  • Qualche acciuga sott’olio  

Per prima cosa, preparate la base della vostra focaccia. Sciogliete il lievito e il miele in una parte dell’acqua, poi impastate insieme tutti gli ingredienti avendo cura di aggiungere il sale per ultimo. Quando avete ottenuto un impasto liscio e omogeneo, coprite con un canovaccio e fate lievitare in luogo caldo per circa un’ora e mezzo.   

Al termine della lievitazione, stendete la pasta in una teglia foderata di carta forno e leggermente oleata sul fondo. Distribuite su tutta la superficie la mozzarella sfilacciata. Aggiungete qualche acciuga sminuzzata. Coprite con la scarola cruda ben lavata e infine aggiungete anche qualche pomodorino tagliato a spicchi. Coprite e lasciate lievitare ancora un’ora.    Trascorsa un’ora, accendete il forno e portatelo a 200°. Quando il forno è caldo, infornate la focaccia coperta con un foglio di alluminio e fate cuocere per circa mezz’ora. A questo punto, rimuovete la carta stagnola e proseguite la cottura per altri 5 minuti fino a doratura. 

Sfornate e servite con un filo di olio a crudo.

Se hai replicato una ricetta e ti va di farmelo sapere, mandami una foto sulla mia pagina Facebook!