Treccia di brioche al limone senza glutine

La treccia di brioche al limone senza glutine è morbidissima e profumata. Chi dice che non si può gustare una buonissima brioche senza glutine?

Treccia di brioche al limone senza glutine

La mia massima soddisfazione in cucina è vedere i glutinosi mangiare di gusto qualcosa che ho preparato per me stessa. Quello che mi piace di meno, invece, è vedere la mia brioche sparire prima ancora che arrivi l’ora della colazione.   

In casa, la treccia di brioche al limone senza glutine è piaciuta davvero a tutti: da mia madre, che non ama i sapori molto dolci e ha pregato di poterla assaggiare prima che fosse “rovinata irrimediabilmente dallo zucchero a velo” , a mio padre che invece apprezza le dolcezze in cucina e che avrebbe voluto che io fossi più generosa con quella spolverata.  

La base di partenza è quella del ricettario zeroglu. Ho sperimentato diverse combinazioni di farine, ma trovo che questa che vi propongo qui sia davvero la migliore. Ho aumentato un po’ la quota dei grassi per ottenere una brioche più burrosa e più profonda nel sapore, così come lo zucchero per incontrare i gusti di tutti. Ecco il risultato: una treccia dolce morbidissima ideale per la prima colazione.  

Treccia di brioche al limone senza glutine

A me, invece, piace così: un bel taglio trasversale, un velo di crema di nocciole o di marmellata e un tuffo veloce nella mia tazza piena di latte bollente. Veloce, perché ne vorrei un altro pezzettino prima che scompaia davvero!    

Per realizzarla occorrono:

Treccia di brioche al limone senza glutine
  • 100g di farina Nutrifree per pane
  • 200g di farina Farmo FibrePan
  • 100g di latte intero
  • 100g di acqua tiepida
  • 10g di lievito di birra fresco
  • 70g di burro morbidissimo
  • 70g di zucchero (la pasta brioche non ha un sapore particolarmente dolce. Se preferite, potete aumentare lo zucchero,  ma a me piace così perché è comunque destinata ad essere farcita)
  • 1 tuorlo + 1 per spennellare (non gettate gli albumi: consultate la mia guida per impiegarli al meglio)
  • la buccia grattugiata di 1/2 limone
  • 1 cucchiaino di miele
  • Un cucchiaino di estratto di vaniglia (o una bustina di vanillina)
  • Un pizzico di sale

Prepariamo la treccia di brioche al limone senza glutine nella macchina del pane!

Fate sciogliere il lievito in una parte dell’acqua, insieme al miele.

Versate tutti gli ingredienti, tranne il sale, nella macchina del pane ZeroGlu. Selezionate e avviate il programma 5. Aggiungete il sale per ultimo dopo qualche minuto di impasto.

 Al segnale della macchina (10 bip), estraete il cestello e con le mani leggermente bagnate infarinate con farina di riso, trasferite il composto sul piano da lavoro (anch’esso infarinato) e dividetelo in due parti uguali. Dividete poi ciascuna metà in tre cordoncini, intrecciateli e adagiateli nelle apposite forme a ciabatta, precedentemente unte e infarinate. t

Sbattete un tuorlo d’uovo con un po’ di latte e spennellate la superficie delle vostre trecce. Se volete, questo è il momento per decorare cona classica granella di zucchero. Riponete le forme sull’apposito supporto e adagiatelo nuovamente nella macchina. Riavviate il programma e aspettate fino a quando non mancheranno 30/25 minuti alla fine. A questo punto di solito inverto i due contenitori all’interno della macchina e lascio proseguire la cottura ancora per 15/20 minuti fino a quando la doratura non è uniforme.

Treccia di brioche al limone senza glutine

E ora… con il metodo tradizionale!

Se preferite il metodo tradizionale, impastate energicamente tutti gli ingredienti e lasciate riposare coperto per circa un paio di ore, reimpastando brevemente a metà lievitazione.

Procedete alla formatura delle trecce, poi adagiatele leggermente distanziate su una leccarda ricoperta di carta forno. Lasciate lievitare ancora mentre portate il forno alla temperatura di 180°.

Cuocete per circa 20 minuti, o comunque fino al livello di doratura desiderato.

Treccia di brioche al limone senza glutine

  La brioche si conserva per un paio di giorni ben chiusa sotto una campana. Inutile a dirsi, appena sfornata è ancora più morbida e soffice, mente il giorno dopo si presenta un po’ più compatta ma altrettanto buona. Basta scaldarla appena e torna come nuova. Del resto, non so voi, ma nemmeno da glutinosa sarei stata entusiasta di trovare in panetteria le brioche del giorno prima…   

Treccia di brioche al limone senza glutine
Se hai replicato una ricetta e ti va di farmelo sapere, mandami una foto sulla mia pagina Facebook!

2 Risposte a “Treccia di brioche al limone senza glutine”

I commenti sono chiusi.